Crea sito


917 (914) ER LETTO

Oh bbenedetto chi ha inventato er letto!
Ar monno nun ze dà ppiù bbella cosa.
Eppoi, ditelo voi che sséte sposa.
Sia mille e mmille vorte bbenedetto!

Llì ttra un re de corona e un poveretto
Nun c'è ppiù rregola. Er letto è una rosa
Che cchi nun ce s'addorme s'ariposa,
E ssente tutto arislargasse er petto.

Sia d'istate o d'inverno, nun te puzza:
Pòi stacce un giorno e nnun zentitte sazzio,
Ché ar monno sc'è ppiù ttempo che ccucuzza.

Io so cc'appena sciò steso le gamme,
Dico sempre: "Siggnore t'aringrazzio";
E ppoi nun trovo mai l'ora d'arzamme.

Roma, 18 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo