Crea sito


1598 (1596). ER LEGGE E SCRIVE

E a cche tte serve poi sto scrive e llegge?
LÓsselo fÓ a li preti, a li dottori,
A li frati, a li Re, all'Imperatori,
E a cquelli che jje l'obbriga la lŔgge.

Io vedo che cce s˛ ttanti siggnori
Che Ccristo l'arricchissce e li protegge,
E nnun zann'antro che rr˛tti, scorregge,
Sbavijji, e strapazzÓ li servitori.

BbuggiarÓ ssi in ner cor de le famijje
L'imparÓssino ar pi¨ li fijji maschi;
Ma lo scÓnnolo grosso Ŕ nne le fijje.

Da ste penne e sti libbri mmaledetti
Ce v˛ ttanto a ccapý ccosa ne naschi?
Grilli in testa e un diluvio de bbijjetti.

27 agosto 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo