Crea sito


840 (840). ER LAVORE

Nun vojjo lavorÓ: ccosa ve dole?
Pe sta vita io nun me sce sento nato.
Nun vojjo lavorÓ: mme s˛ spiegato,
O bbisoggna spregacce antre parole?

A ddiggiuno s˛ ffiacco de stajole;
E ddoppo c'ho bbevuto e cc'ho mmaggnato,
Tutto er mi' gusto Ŕ dde stÓ llý sdrajato
Su cquer murello che cce bbatte er zole.

Cuanno che ffussi dorce la fatica,
La vorýano pe ssÚ ttanti pretoni
Che jje puncica peggio de l'ortica.

Va' in paradiso si cce s˛ mminchioni!
Le sante sce se gratteno la fica,
E li santi l'uscello e li cojjoni.

Roma, 30 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo