Crea sito


1520 (1517). ER GIUVEDDÌ E VVENARDÌ SSANTO

Sò ppoche le funzione papaline:
Nun basteno la scena e la lavanna.
Pe ffà le cose com'Iddio commanna
Pare c'ar Papa tra ste du' matine

Bbisognerebbe métteje una canna
In mano e in testa una coron de spine:
Poi fraggellallo a la colonna, e infine
Proscessallo e spidijje la condanna.

Disce: "Ma a Rroma nun ce sta Ccarvario."
Si cconzisteno cqui ttutti li mali
S'inarbera la crosce a Mmonte-Mario.

E llassù oggn'anno, a li tempi pasquali,
Ce s'averebbe da inchiodà un Vicario
De Cristo, e accanto a llui du' Cardinali.

16 aprile 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo