Crea sito


482 (481). ER FORNARO FURBO

Cuer panzanera der Curato mio
Nun me guardava ppi¨ ssino da ggiuggno.
Che ddiÓscusci averÓ, discevo io,
Sto frate cane che mme svorta er gruggno?

Che ff˛! Mm'infirzo un giorno er cudicugno,
E jje faccio la caccia in Borgo-pio:
Passa: io me caccio er fongo ar Padre Zugno:
Lui secco secco m'arisponne: "Addio."

E io: "Padre Curato, in parrocchietta
Troverete una pizza..." - "Oh Mmeo! bbon giorno.
Cosa fai, fijjo mio? come sta Bbetta?

Checchino cressce? te va bbene er forno?"
M'acchiappa er zampo, me sce dÓ 'na stretta,
Poi curre a ccasa; e cche cce trova? Un corno.

Roma, 24 novembre 1832                      Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo