Crea sito


817 (813). ER FOCONE

La sai la gran disgrazzia ch'è ssuccessa
A Rrocco er capo-presa, eh Furtunato?
Lui stava ar naviscello ch'è arrivato,
E la mojje era ita a ssentì mmessa.

Ebbè, er pupo c'aveveno lassato
Ar focone cor fijjo de l'ostessa,
Pe inchinasse a ppijjà una callalessa,
Cascò ssur foco, e cce restò ggelato.

Penza si cquanno aritornò la madre
Dev'èsse stato er giorno der giudizzio,
E ssi cche inferno ar rivienì dder padre!

Perde un fijjo accusì, ccerto, è un zupprizzio;
Ma cche ffaressi a ste madracce ladre
Ch'esponeno li fijji ar priscipizzio?

Roma, 23 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo