Crea sito


1202 (1201). ER DOTTORE SOMARO

Crpa sua. E pperch llui nun ze spiega?
Pe cche rraggione l'antra sittimana
Rispose ar mi' discorzo in lingu'indiana
Quanno me venne a vvisit in bottega?

Dico: "Diteme un po', ssor dottor Brga,
P ff mmale er cen, cco la terzana?"
Disce: "Abbasta sii robba tutta sana,
Tu ppi puro scen; cchi tte lo nega?"

Me maggnai dunque sano un paggnottone
Casareccio, un zalame, 'na gallina,
'Na casciotta, un cocommero e un melone.

Lui, cazzo, aveva da parl itajjano,
E rrisponneme a mm cquela matina:
Maggna robba inzalubbra, e vvcce piano.

15 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo