1607 (1603). ER DILETTANTE DE PONTE

 

Viengheno: attenti: la funzione è llesta.

Ecco cor collo iggnudo e ttrittichente

er prim’omo dell’opera, er pazziente,

l’asso a ccoppe, er ziggnore de la festa.

 

E ecco er professore che sse presta

a sserví da scirúsico a la ggente

pe ttré cquadrini, e a tutti ggentirmente

je cura er male der dolor de testa.

 

Ma nnò a mman manca, nò: ll’antro a mman dritta.

Quello ar ziconno posto è ll’ajjutante.

La proscedenza aspetta a Mmastro Titta.

 

Volete inzeggnà a mmé cchi ffà la capa?

Io cqua nun manco mai: sò ffreguentante;

e er boia lo conosco com’er Papa.

 

29 agosto 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo