Crea sito


1402 (1401). ER CURATO BBUFFO

Quer mi' curato ha sta manģa curiosa
Che in tutto vņ fficcą la riliggione.
La mette a ppranzo, a ccena, a ccolazzione,
Ner camminą, nner ride, in oggni cosa.

Arriva ar punto sto prete bbuffone,
Che cquanno a ccarnovale io sposai Rosa
Me disse ch'er cunzumo de la sposa
S'aveva da pijją cco ddivozzione.

Io?! Co la furia che mm'intese ssciojje
Me je bbuttai addosso a ccorpo morto
Senza manco penzą che mm'era mojje.

Sarebbe er madrimonio un ber conforto,
Quanno er cacciasse quer tantin de vojje
Sce diventassi un'Orazzione all'Orto!

23 dicembre 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti č quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo