Crea sito


87 (87).ER CONTRATEMPO

Ecco cqui er bene come incominciò
Co la cuggnata de Chicchirichì.
Fascemio a ggatta-sceca cor zizzì,
A ccasa de la sgrinfia de Sciosciò.

Toccava er giro a llei: me s'appoggiò
Co cquer tibbi de culo a ssede cqui.
Nun zerv'antro: de sbarzo se svejjò
Mi' fratelluccio che stava a ddormì.

Sentenno quer lavoro sott'a ssé,
Lei s'intese le carne a ffriccicà,
E arzò la testa pe ffà un po' ccescé.

Io me diede a ccapì cch'ero io llà:
Allora, a cquer c'ha cconfessato a mmé,
Lei fesce in core: "Je la vojjo dà."

11 ottobre 1830

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi 
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo