Crea sito


54 (54). ER CONFORTATORE

Sta notte a mmezza notte er carcerato
Sente upr er chiavistello de le porte,
E ffasse avanti un zervo de Pilato
A ddijje: "Er fischio te condanna a mmorte."

Poi tra ddu' torce de sego incerato,
Co ddu' guardiani e ddu' bbracchi de corte,
Entra un confortatore ammascherato,
Coll'occhi lustri e cco le guance storte.

Te l'abbraccica ar collo a l'improviso,
Strillanno: "Alegri, fijjo mio: riduna
Le forze pe vvol ssu in paradiso."

"Che alegri, cazzo! alegri la luna!"
Quello arisponne: "Pozziate sse acciso;
Pijjatela pe vvoi tanta furtuna."

Roma, 13 settembre 1830            De Pepp'er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo