Crea sito


879 (878). ER CIARLATANO NOVO

C' mm a Rroma un dentista, un giuvenotto
Nato a Vvienna in dell'isola de Como:
Un medicone, un ciarlatano dotto,
Che sse potra leg ddrento in un tomo.

Lui strappa denti de sopra e dde sotto
Tutti eguarmente a un pavolo per omo.
Chi sse ne caccia poi diesci in un botto,
Ha ll'undescimo auffa: eh? cche bbrav'omo!

Venne inortre un zegreto pe ddu' ggiuli
Ch' un'acqua bbona assai pe dd ssoccorzo
A cchi esposto a li carci de li muli.

Bbasta intggnesce un pezzo de sfilarcio
E strufinasse, o dde succhianne un zorzo
Un momentino prima d'av er carcio.

Roma, 10 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo