Crea sito


733 (734). ER CARNOVALE SMASCHERATO

Nonna, a li tempi ch'rimo frittura
E jje sfilamio la conocchia e 'r fuso,
Se schiaffava una mmaschera, e cco st'uso
Sce fasceva st bboni e av ppavura.

Me capischi? ll'et, cquella che scuso:
Cos'ha da f una povera cratura
Cuanno sta sganghenata prelatura
Nun p vvde le mmaschere sur muso?

Leva cuer po' de mmaschere, che rresta
Der carnovale? un torzo liscessbrisscio,
Un urinale che nnun abbi vesta.

Ma sti cazzacci cqui ppieni de pisscio
Ar Papa j'arivrteno la testa
Come fussi una bboccia ar gioco-lisscio.

Roma, 13 gennaio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo