Crea sito


283 (282). ER BON CONZIJJO

Co sti cuattro che ttienghi ar tu' commanno,
M ppijji puro un po' de mojje pijji?
Eppoi cosa sarai de cqui a cquarc'anno?
Un pover'omo carico de fijji.

Menicuccio, da' rretta a li conzijji:
Abbada a cquer che ffai: penza ar malanno:
Donna! chi ddisce donna disce danno:
Tu t'aruvini co sti tu' puntijji.

Si ppoi scerchi una forca che tt'impicca,
Nun te spos sta guitta scorfanella:
Procura armanco de trovalla ricca.

La ricca nun te v? ccpela bbella:
Ch cquanno a Rroma una mojjetta spicca,
Vanno mojje e mmarito in carrettella.

27 novembre 1831                          Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo