Crea sito

 

1206 (1204). CHI LA TIRA, LA STRAPPA

Fatto Adamo padron de l'animali,
Incominciņ addrittura a arzą l'ariaccia.
Nun zalutava, nun guardava in faccia...
Come fussino llą ttutti stivali.

Nun c'er'antro pe llui che ccan da caccia,
Caval da sella, scampaggnate, ssciali,
Priscissione coll'archi trionfali,
Musiche, e ccianerie pe la mojjaccia.

E l'animali, a ttutte ste molestie,
De la nescessitą, ccome noi dimo,
Fasceveno vertł, ppovere bbestie.

Nun ce fu cch'er zerpente, che, vvedute
Tante tirannerģe, disse p'er primo:
"Mó vve bbuggero io, creste futtute."

16 aprile 1834

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti č quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo