Crea sito

 

1860 (1825). CHI FA, ARISCÉVE.

De quanti bbelli fatti oggi ho ssentiti
Spiegà ssu la Scrittura io ve ne posso
Cqua ssu ddu' piedi ariccontà er più ggrosso,
Da favve arimané mmezz'intontiti.

Disce dunque c'appena li Sdrelliti
Terminorno er passaggio der Mar Rosso,
Scappo ffora un mijjon de Malessciti
Che ttutti assieme j'appiommorno addosso.

Iddio se la seggnò sta bbrutt'azzione,
Perché allora l'Ebbrei j'ereno amichi
E aveveno la vera riliggione.

Fatti dunque passà cquattroscent'anni,
Disse a Ssaulle: "Va', e de sti nimmichi
Nun ce restino ppiù mmanco li panni."

29 ottobre 1836

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo