Crea sito

 

20 (21). CAMPA, E LLASSA CAMP└

Ma cche Ffaj˛la, Cristo, Ŕ ddiventata
Sta Roma porca, Iddio me lo perdoni!
Forche, che state a ffÓ, ffurmini, troni,
Che nun sscennÚte a ffanne una panzata?

S'ha da vede, per dio, la bbuggiarata
Ch'er cristiano ha d'annÓ ssenza carzoni,
Manco si cquelli poveri cojjoni
Nun fussino de carne bbattezzata!

Stassi a sto fusto a ccommannÓ le feste,
Vorýa bbe' mmaneggiÓ li ggiucarelli
D'arimette er ciarvello in de le teste.

E cchiamerebbe bbonziggnor Maggnelli,
Pe ddijje du' parole leste leste:
"Sor ╚, ffamo campÓ li poverelli."

19 febbraio 1830

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo