Crea sito

 

438 (436). ANTRI TEMPI, ANTRE CURE, ANTRI PENZIERI

Allora, allora! Allora ero un bardasso
Che tte credevo, e tte vienivo appresso.
Pass˛ cquer temp'enŔa, Briscida: adesso,
Fijja, s˛ tturco ppi¨ de san Tomasso.

E ttu tte credi de portamme a spasso
Co le chiacchiere tue? De llý a un cipresso!
Io nun vojjo ppi¨ gguai: me chiamo ggesso,
Cor una mano scrivo e un'antra scasso.

Che sserve mo de sciancicÓ un abbisso
De paternostri, e dde portatte addosso
'Na frega de corone e 'r croscefisso?

Nun ze sapessi mai c'ar gallo-rosso
Te pijjassi cuer po' dde stoccafisso,
Eppoi cacassi du' stronzi coll'osso!

Terni, 10 novembre 1832                  Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo