Crea sito

 

2138 (2104). AJJUTO E CONZIJJO

Capisco... ma... che sso!... ccerte faccenne...
Io poi... se sa...nnun posso av, ffratello...
Perch... a la fine... come disce quello?...
Inzomma... tutto sta ccome s'intenne.

Raggione, oh, cce n'averai da venne...
Eppuro... co ddu' deta de scervello...
N cc'uno abbi... me spiego?..., eppoi, dov'llo?
Via..., cche sserve!... ggnisuno lo pretenne.

Pe mm, mmagara!..., e ccaso-mai... pe cquesto
Nun ce penz: ffigrete si io...!,
Semo amichi s o nno? Dunque io s llesto.

Ooh, mmanco male! ma llui pregh'Iddio...
Bbasta, ce semo intesi: e cquant'ar resto,
Tu ttiette sempre ar zentimento mio.

3 aprile 1846

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo