Crea sito

 

235 [234]. ACCUSI VA' ER MONNO

Quanto sei bbono a stattene a ppijjà
perché er monno vô ccurre pe l’ingiù:
che tte ne frega a tté? llassel’annà:

tanto che speri? aritirallo sù?
Che tte preme la ggente che vvierà,
quanno a bbon conto sei crepato tu?
Oh ttira, fijjo mio, tira a ccampà,

e a ste cazzate nun penzacce ppiù.
Ma ppiú de Ggesucristo che ssudò
’na camiscia de sangue pe vvedé

de sarvà ttutti; eppoi che ne cacciò?
Pe cchi vvò vvive l’anni de Novè
ciò un zegreto sicuro, e tte lo dò:

lo ssciroppetto der dottor Me ne...

Roma, 14 novembre 1831
Der medemo

 

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo