Crea sito

 

150 (150). ABBADA A CCHI PPIJJI!

Santi che vva a strillÓ cco la cariola
Nocchie rusicarelle e bbruscoletti,
Che jer l'antro sce diede li confetti
Pe avÚ ppresa la fijja de Sciriola;

Dio s'allarga, peddio, la fischiarola!,
Come vorze infrosciÓ li vicoletti,
S'impiastr˛ immezzo a un lago de bbrodetti,
De cuelli che cce v˛ lla bbavarola.

Ecco cuer che succede a ttanti ggnocchi
Che nun zanno addistingue in ne l'erbajja
Le puntarelle mai da li mazzocchi.

Donna che smena er cul com'una cuajja,
Se mozzica li labbri, e svorta l'occhi,
Si pputtana nun Ŕ, ppoco la sbajja.

Terni, 1 ottobre 1831                        D'er medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti Ŕ quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo