Crea sito

 

1963 (1927). A VVOI DE SOTTO

S'aricconta c'un frate zzoccolante,
Grasso ppiù der compar de sant'Antonio,
Ner concrude una predica incarzante
Sull'obbrighi der zanto madrimonio,

Staccò er Cristo dar pùrpito e ggronnante
De sudore strillò ccom'un demonio:
"Eccolo, e vve lo dico a ttutte quante,
Eccolo su sta crosce er tistimonio.

Io mó lo tiro in testa inviperito
A cchi ss'è ppresa er ber gusto, s'è ppresa,
De temperà ppiù ppenne a ssu' marito."

A cquell'atto der frate 'ggni miggnotta...
'Ggni donna, vorzi dì, cche stava in chiesa,
Arzò le mano pe pparà la bbotta.

23 dicembre 1837

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo