Crea sito

 

99 (99). A TETA.

Pe tterra, in piede, addoss'ar muro, a lletto,
Come c'ho ttrovo d'addoprà l'ordeggno,
N'ho ffatte stragge: e ppe ttutto, sii detto
Senz'avvantamme, ciò llassato er zeggno.

Ma cquanno me sò vvisto in ne l'impeggno
Drento a cquer tu' fienile senza tetto,
M'è pparzo aritornà, peddìo-de-leggno,
Un ciuco cor pipino a ppiggnoletto!

Eppuro, in cuanto a uscello, ho pprotenzione
Che ggnisun frate me pò ffà ppaura:
Basta a gguardamme in faccia er peperone.

Ma cco tté, ppe mmettésse a la misura,
Bisoggnerebbe avé mmica un cannone,
Ma la gujja der Popolo addrittura!

Morrovalle, 10 settembre 1831             Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo