Crea sito

 

97 (97). A NINA

Tra ll'antre tu' cosette che un cristiano
Ce se farebbe scribba e ffariseo,
Tienghi, Nina, du' bbocce e un culiseo,
Propio da guarnì er letto ar Gran Zurtano.

A cchiappe e zzinne, manco in ner moseo
Sc'è rrobba che tte pò arrubbà la mano;
Ché ttu, ssenz'agguantajje er palandrano,
Sce fascevi appizzà Ggiuseppebbreo.

Io sce vorrebbe franca 'na scinquina
Che nn'addrizzi ppiù ttu ccor fà l'occhietto,
Che ll'antre cor mostrà la passerina.

Lo so ppe mmé, cche ppe ttrovà l'uscello,
S'ho da pisscià, cciaccènno er moccoletto:
E lo vedessi mó, ppare un pistello!

Fatto in Morrovalle, il 7 settembre 1831   De Peppe er tosto

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo